Sette anime (Seven pounds)

C’era una volta Gabriele Muccino, meglio noto come “il regista dell’ultimo bacio”, uno che da ragazzo sognava di diventare il Nanni Moretti della sua generazione, e si ritrovò al suo terzo film a essere additato come uno dei più pericolosi spacciatori di cinema commerciale. Ma c’è un posto nel mondo dove quelli come lui possono sentirsi a casa, e così quando mamma Hollywood chiamò, lui rispose. Andò in America e conobbe un ragazzone di colore che aveva cominciato come rapper ed era finito a fare lo scemo in una sitcom… ma ne aveva fatti di soldi Will Smith; nel 2006 decise di autoprodursi in un film sulla storia di Chris Gardner, la sceneggiatura la scrisse Steve Conrad che l’anno prima si era distinto con il bel “The Weather Man”, mentre dietro la macchina da presa, l’ex man in black, volle proprio il regista romano. Dopo il successo de “La ricerca della felicità”, Muccino e Smith ci riprovano con “Sette Anime”, e lo script questa volta è affidato a Grant Nieporte. C’era una volta Gabriele Muccino insomma, e c’è ancora, solo che ora non scrive più quello che gira (anche per “Baciami ancora”, il seguito de “L’ultimo bacio”, attualmente in lavorazione, non è accreditato come sceneggiatore o soggettista), e di riflesso ha moltiplicato esponenzialmente la sua propensione verso il cinema dei lacrimoni, delle facili emozioni, pur conservando una certa efficacia ed eleganza nella messa in scena.

“Sette anime” è un film che svela poco alla volta la sua trama, prima dei titoli di testa compare un uomo in una casa sull’oceano e una medusa nell’acquario, telefona a un call center e maltratta un operatore, Ezra Turner (il grande Woody Harrelson), facendo leva sul suo handicap di non vedente. L’uomo della casa sull’oceano, Ben Thomas, si presenta come impiegato del fisco, ma sembra più interessato alla vita segreta di alcuni sfortunati evasori, che al proprio lavoro. Tutto questo fa parte di un piano ben preciso che Ben ha progettato nei minimi dettagli.

A parte una prima ottima mezzora, o poco più, in cui lo spettatore non sa che colore dare all’anima di Ben Thomas, la storia ha già detto tutto a metà del film, rimane solo il finale, e per vederlo lo spettatore deve sorbirsi tutta la storia d’amore tra il protagonista (Will Smith), e Emily Posa (Rosario Dawson). Della regia si è già accennato prima, elegante e pulita, ma soprattutto ha il merito di rendere verosimile un soggetto che altrimenti sarebbe apparso improbabile, mentre i dialoghi non sono esenti da furberie tipiche di Hollywood, ad esempio Ben riceve una telefonata e alla domanda su chi fosse si sente rispondere “tuo fratello”, un trucco per introdurre il fratello del protagonista senza ricorrere a scene extra, ma a scapito del realismo.

Complessivamente, quello che un tempo era indicato come l’esempio del nuovo cinema italiano, nel bene e nel male, ha firmato un film sinceramente americano, nella forma e nella filosofia, ma c’è da chiedersi quanto ci sia di Muccino e quanto del suo attore-produttore.

Annunci

3 pensieri su “Sette anime (Seven pounds)

  1. io l’ho trovato orrendo e soprattutto di cattivissimo gusto l’idea di far smembrare il protagonista pezzo dopo pezzo tipo grossista di organi interni liquida tutto causa morte da medusa, ce n’è per tutti…
    Muccino è un mediocre e anche quel suo fratello piccolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...