Post dei cattivi consigli

Come si chiama il cilindro di cartone dei rotoli di carta igienica? “Cilindro di cartone dei rotoli di carta igienica”? Ma non è un nome, è una descrizione. E come si dice quando dopo l’ultimo scalino il piede va a cercare un altro scalino che non c’è? Inciampare? Perdere l’equilibrio? Ma quella è la conseguenza. Ci sono tante cose di cui ignoriamo il nome, eppure esistono. Cotanta retorica solo per presentare una mia cosa intitolata “Ognuno scelga il suo nome”, che doveva inizialmente essere pubblicata sul numero 5 della rivista ViaDelleBelleDonne, ma a seguito della decisione di sospendere l’attività della stessa da parte di chi la portava avanti, il succitato scritto è stato adottato dal blog della responsabile per la narrativa della rivista, Morena Fanti.

Ora, per dare un’utilità sociale a questo post, qualche suggerimento per un regalo di Natale non gradito, utile per farsi odiare o per sabotare il sistema capitalistico-babbonatalesco: un vecchio televisore a tubo catodico senza presa scart, una musicasetta vergine da 46 minuti, un portachiavi, un portachiavi a forma di bara, una bara, una bandiera della Corea del Nord, un mouse a forma di piede, uno scarafaggio di gomma anti-stress, degli assorbenti ascellari, l’herpes, cinque numeri da giocare al lotto, un adesivo da auto con scritto “Rubami”, una figura retorica, una figura di merda, una scatola di cerotti, un blister di placebo, una collezione di buste di plastica, un kbyte, un mal di pancia, la fotocopia in bianco e nero di una banconota da 10€, un calzino turchese usato, un link a questo post.

Annunci

6 pensieri su “Post dei cattivi consigli

  1. Arrivo qui dopo aver letto il tuo racconto da Morena.
    è un bel arrivare e soprattutto è un bel leggere.
    contenta di averti intercettato! :o)

  2. Hoibò Barabba!!! Non ricordavo di essere stato segnalato dalla polizia! oh oh oh deve essere stato nel lontano 68 quando durante i tafferugli di Piazza dei Bugicattoli, fui incastrato dai quei malviventi spacciatori di giocattoli falsi…davvero non ricordavo più. ohibò sto davvero invecchiando: ero convinto di essere più alto!!
    Ci vediamo il 25…

  3. Un pigiama, una’agenda del 2009, una cornice di vetro con dentro una banconota da mille lire, un quadretto di nodi da marinaio, un tubetto di incensi, un videoregistratore, 300 fogli A4 stampati e rilegati con tutte le e maili di coppia dal 2002 ad oggi, un babbo natale con scala da apporre sull’apposito balcone, un carrello porta-vivande, un accappatoio, un portachiavi (concordo), un dopobarba scadente, un dopobarba, un manulae per giochi di ruolo medievali, un adesivo della lega, un biglietto per il concerto di Povia, un sasso per la sasso-terapia… e mi fermo qua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...