La Carie – secondo tempo

[Qui la prima parte] Non esiste libera professione con più infiltrati del dentista. Ne ho conosciuti a carrettate, igienisti e odontotecnici per la maggior parte, ma anche ex-studenti di medicina, e addirittura un geometra. Poi lo beccarono, il geometra intendo; io c’ero quando venne la finanza, era il mio ultimo giorno lì, non poteva finire meglio, svuotai lo studio di tutti i farmaci, e la cosa alleggerì anche la posizione del geometra. Poi andai in uno di questi nuovi discount dell’otturazione, quelli da prima visita gratis, e lì conobbi Mattia. Era un odioso tirocinante. Stupido. E brutto, con l’acne a quasi trentanni. Mi scoprì mentre infilavo le fiale sotto al camice; non potevo giustificarmi, gli raccontai tutto, e poi gli allungai cinque carte da cento per tenere l’acqua in bocca. Gustavo Rol, il noto sensitivo che grazie ai suoi presunti poteri salvò una paesino piemontese da un rastrellamento nazista, una volta scrisse in una lettera: “Ho scoperto una tremenda legge che lega il colore verde, la quinta musicale ed il calore. Ho perduto la gioia di vivere”. Io non ho idea di quale sia la quinta musicale, e non ricordo se nello studio facesse caldo, ma è vero che il verde, nello specifico il verde centeuro, su Mattia ebbe un potere tremendo, ma la gioia di vivere, invece di perderla, la trovò. Cominciò a lavorare per me, lo mandavo a vendere in discoteca, mentre io lavoravo con i clienti selezionati, ogni tanto lo portavo con me in qualche villa, per fargli vedere a cosa poteva ambire se rigava dritto, e se continuava a fottere la lidocaina. Lo presi sotto la mia ala. Mi fidavo di lui, gli avevo anche dato le chiavi di casa. Ecco, le chiavi di casa: una sera tornai e lo trovai nella stanza adibita a galleria, sul mio divano da trip, con in mano la mia foto preferita, quella di Elizabeth, fotografata dal Conte Di Favona durante un soggiorno presso certi eredi d’Asburgo a Budapest, anno 1932. Aveva sofferto tanto la povera Elizabeth, lo so, la foto me lo aveva raccontato, presa in giro dagli uomini della sua epoca, tutti, dai nobili ai carbonai, e morta sicuramente sotto un ponte sul Danubio, ammazzata dal coltello di un cliente che riteneva troppo alta la sua parcella da meretrice. E ora veniva stuprata di nuovo, da quel verme di Mattia, che con una mano reggeva la cornice e con l’altra si masturbava. Lui non si accorse di me, e io feci finta di niente. La carie nasce da una rivolta. I batteri che normalmente vivono in bocca, ad un certo punto si guardano attorno e scoprono di essere diventati tanti, tantissimi, e forti, il programma di controllo nascite della saliva è fallito e loro sono diventati una forza indomabile, e allora si ribellano, e gli innocui batteri che vivono in bocca cominciano a mangiarsi i denti. Forse Mattia pensava di essere diventato più forte di me. Forse Mattia era la carie. Crollò dopo nemmeno trenta minuti, grazie ai 50 mg di diazepam con cui avevo condito la sua orata. Eravamo al dolce. Cadde con la faccia sul tiramisù, ficcandosi il cucchiaino in una narice. Lo stesi sul tavolo e col coltello da grana cominciai a scalpellargli gli incisivi. A guardare i suoi denti tutti avrebbero dovuto capire che razza di mostro era.

Annunci

7 pensieri su “La Carie – secondo tempo

  1. No, questo è un capolavoro. E lo è pure il tuo commento nella prima parte.

    per fortuna alla fine non c’era la MOLARE…

    Hsss. Sono sensibile ai finali freddi.

  2. Pingback: Almanacco degli alambicchi 2010 « Magari Domani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...