Esattamente un anno fa

Esattamente un anno fa scrivevo questo post. Ricordo che stavo guardando il film “Bambole russe”, il sequel de “L’appartamento spagnolo” di Cédric Klapisch. Ed esattamente stavo guardando la scena sul traghetto, c’era o c’era stato il matrimonio di un amico del protagonista, ed erano tutti ubriachi, e la mia scrivania cominciò a ondeggiare, ora che ci penso è stato alquanto ironico. Rileggo quelle poche parole e mi accorgo come il nostro cervello lavori per prossimità; senti che la terra sotto i tuoi piedi trema e pensi che il terremoto sia lì, dove ti trovi tu, e magari fai lo spavaldo con te stesso, dicendoti che ne hai sentiti di peggiori, e non ti sfiora l’idea che a qualche chilometro da te si è scatenato l’inferno, non subito almeno. Tra tutte le storie che ho sentito, quella che mi è rimasta più impressa è l’unica che mi è stata raccontata di persona, quella di una ragazza che conosco appena, originaria di L’Aquila e che proprio in quel periodo si trovava lì, insieme col ragazzo; si svegliò a terra, in un primo momento pensò che il ragazzo nel sonno l’aveva fatta cadere dal letto, poi si rese conto della situazione, dopo la fine della prima lunga scossa aprì la finestra e vide una nebbia densa come il latte, era il cemento polverizzato delle case, scesero in strada con le loro portandosi dietro le loro cose, e scoprirono che la loro auto era intatta, montarono su con ancora i pigiami indosso e tornarono di corsa a Roma, senza voltarsi indietro. Non è un racconto tragico o particolarmente rappresentativo, ma mi ha colpito, l’ho visualizzato fotogramma per fotogramma, e lo ricordo perfettamente, come la scena del film di Klapisch, forse perché è un racconto liberatorio, forse perché lascia una speranza, quella che ci sia sempre un posto più sicuro dove scappare, non necessariamente un posto fisico. E spesso c’è, ma non per tutti, e a questi, per quanto possa servire, va il mio pensiero.

Annunci

5 pensieri su “Esattamente un anno fa

  1. io ho sentito qualche terremoto. Ricordo benissimo quello del friuli e anche altre scosse. Ma quello che mi ha fatto più impressione è stata una scossa circa cinque anni fa, verso la mezzanotte. Un terremoto di carattere sussultorio, pochi ondeggiamenti ma un rumore sordo, il rumore della terra, cupo. E quello mi ha impaurito.

  2. Beh, questo è un post commemorativo, che tu l’abbia deciso o meno.
    E come qualsiasi filologo di fama internazionale potrebbe provare, non c’è un giudizio di valore in questo mio commento.
    Anche se c’è.
    Niente è mai quello che sembra.
    E lo so che ora farai la fanciulla offesa.
    Ma tant’è.

  3. @farfa-bis: ah ho capito, nel senso che non ti è piaciuto il post, ma il commento precedente presupponeva un giudizio negativo nei confronti dei post commemorativi, che era una variabile non dichiarata.

  4. bonoboboy

    Non credo però che la nebbia densa come il latte derivasse dal cemento polverizzato, magari dalla sabbia travestita per anni da cemento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...