Il wombat di Benevento

Ho voglia di liquori vintage, tipo Biancosarti, Fernet Branca, Vecchia Romagna e Liquore Strega. Sapevate che il liquore Strega viene fatto a Benevento e deve il suo nome alla leggenda secondo cui nella città campana le streghe di tutto il mondo si riunivano intorno a un grande albero di noce tipo in una specie di Woodstock del medioevo? Ecco, questa è una di quelle nozioni sostanzialmente inutili di cui potrei essere campione europeo, o quantomeno piazzarmi bene. Le mie preferite sono quelle a sfondo scientifico; ieri leggevo di un vombato che “ja sfonnato a uno”, come avrebbero detto alla Magliana se il marsupiale in questione fosse stato un mammifero tipico della campagna romana e lo sfortunato di Ostia invece che di Victoria, Australia. Ma veniamo alle robe serie: oggi sarà ufficializzata la scoperta dello scheletro di un ominide, ritrovato in una cava calcarea in Sudafrica, che si colloca evolutivamente tra l’australopiteco e l’homo habilis, che detto così sembrerebbe una notizia di ordinaria paleontologia, se non fosse che lo scheletro in questione, più precisamente di un bambino, sarebbe il famoso anello mancante, il “buco” nella teoria evolutiva che vorrebbe l’uomo discendere dalle scimmie. Per chi non lo sapesse esiste gente al mondo che crede ancora nel creazionismo, non solo negli Usa, ai tempi della Moratti all’istruzione tentarono di far togliere Darwin dai programmi scolastici, e un amico che frequenta un’università cattolica mi raccontò di un docente di anatomia (non di teologia, di a-n-a-t-o-m-i-a) che a lezione cercava di dimostrare la natura divina dell’uomo con la mancanza del pollice opponibile nelle scimmie. Sarà curioso vedere come dopodomani sarà riportata la notizia della scoperta di Lee Berger dell’università di Witwatersrand di Johannesburg, da parte dei giornali d’ispirazione cattolica. Beninteso che ho profondo rispetto in chi crede, ma non in chi crede di poter raccontare cazzate.

Annunci

7 pensieri su “Il wombat di Benevento

  1. A proposito di liquori, mio zio aveva conosciuto il signor Averna. Ebbene, il signor Averna quando va al ristorante beve solo l’amaro Averna perché “così so che cosa bevo”. Raccontino inutile ma che quando lo ricordo mi scappa sempre un sorrisino

  2. se definisci disgustoso il Vov è perché non hai mai assaggiato il corrispettivo da discount, che si chiamava una cosa tipo eurov, lo dovevi sbattere prima di bere perché aveva la tendenza alla separazione degli ingredienti con peso specifico differente. Ad ogni modo stiamo parlando al passato di questi liquori, ma sono tutti in produzione, e probabilmente non se la passano nemmeno male, il liquore strega Alberti ad esempio vende in tutto il mondo. Per chiudere la conta ricordo che andava molto di moda il J&B, che era molto presente nelle pubblicità occulte al cinema di alcuni film, ma che allora erano legali (le pubblicità nei film, anche delle sigarette), e Il Punt&Mes, il mitico Cynar, il caffè Borghetti (ancora venduto illegalmente allo stadio), e non me ne vengono in mente altri, sono ben accetti altre candidature alla memorabilia etiilica

  3. “…..questa è una di quelle nozioni sostanzialmente inutili di cui potrei essere campione europeo, o quantomeno piazzarmi bene…..”

    ma di solito alle cene tra amici, queste persone sono le più gettonate 😀
    io almeno faccio sempre in modo di averne una accanto, non ci si annoia mai!

    Anyway ….

    da poco ho visto le foto di crani umani STRAORDINARI, di forma oblunga, tipo Nefertiti. Sembrano quasi alieni, ma pare che fossero così perchè avevano la ghiandola pineale molto , molto sviluppata.

    Al TG1 però queste cose non ce le dicono. E nemmeno a SuperQuark. E nemmeno su Focus…… !

  4. I cattolici comunque possono essere straordinariamente tenaci nel negare la creatività del loro Dio.
    C’è da dire comunque che nemmeno il Vaticano da noi è così ottuso come gli americani della Bible Belt!

    forse i preti nostrani hanno capito che da noi tali balle non reggono, e si astengono per convenienza….

  5. io pensavo che le forme di quei crani dipendessero dall’usanza di fasciare le teste dei bambini, che con gli anni subivano delle deformazioni, come i colli anellati di alcune donne birmane. La posizione del Vaticano sull’evoluzione non è pacifica, ma il pensiero dominante ormai è quello di un compromesso tra evoluzione e creazionismo, ovvero l’evoluzione teista, cioè un’evoluzione pilotata da una razionalità superiore, linea condivisa anche da Ratzinger, nonostante più di qualche volta abbia messo il broncio sull’argomento (sostenendo che le teoria evoluzionistica presenti delle falle scientifiche, quali però non si sa). Ma tutto sommato è normale che in Vaticano ci sia qualcuno che creda ancora ad Adamo ed Eva, meno normale che ci siano uomini di stato, per giunta sistemati laddove questo tipo di convinzione fa più danni in assoluto, ovvero all’istruzione. Chi fosse interessato a quel fattaccio veda questo interessante (e breve) servizio de l’infedele: http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=infedele&video=73

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...