Corrupt intentions

Chiunque prenderà le redini dello Stato dopo la caduta del sultanato dovrà fare i conti con quello che a prima vista appare un paradosso; da una parte l’Italia che si attesta ancora come uno dei primi paesi in termini di “ricchezza assoluta” (dato continuamente ripetuto da chi è attualmente al governo), e dall’altra un palese e tragico impoverimento. Un paradosso solo a prima vista, perché non c’è nulla di incomprensibile in tutto questo; nel nostro paese aumenta la sperequazione, l’iniqua distribuzione della ricchezza, in sintesi, con una formula che si usava un tempo, “i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri”. Le soluzioni per recuperare denari ci sono, e le conosciamo tutti; prelievo “patrimoniale” vero, ovvero basato sui grandi patrimoni immobiliari e non, tassazione dei capitali scudati, taglio delle province* e di altri costi della politica, lotta alla corruzione (di cui nessuno ha parlato nonostante fosse inserita nella famosa lettera dell’Ue, la stessa che ci invitava a mettere mano al sistema previdenziale). Già, lotta alla corruzione; la generica formulazione può giustamente lasciare perplessi, ma pensare che non si possa fare niente è forse concausa del fenomeno; il magistrato Piercamillo Davigo una volta si trovava negli Stati Uniti, un suo collega del posto si rivelò interessato alla via italiana della lotta alla corruzione, spiegata poi da una voce autorevole, un ex membro del pool di mani pulite, ma alle spiegazioni di Davigo l’americano diventava via via più perplesso, fino a chiedergli perché ci complicassimo così la vita, infatti negli Usa la lotta alla corruzione passa per uno strumento estremamente semplice: il test di integrità. Un poliziotto in borghese prende appuntamento con un decisore pubblico, un dirigente, un funzionario, gli propone una mazzetta in cambio di un favore, di un appalto, se quello accetta scattano le manette. In Italia tutto ciò al momento non è possibile, immagino per via di alcune norme che impediscono alle forze dell’ordine di indurre qualcuno a commettere un reato, un principio di mondo della serie “l’occasione fa l’uomo ladro”, ma sul quale si può trattare se può aiutarci a scalzare il Ruanda nella classifica della corruzione nella pubblica amministrazione (l’Italia è al 67° posto nella graduatoria stilata dall’organismo Transparency International), inoltre il test non è detto che debba avere implicazioni penali come accade negli Usa, ai fini dell’emergenza corruzione è sufficiente un provvedimento amministrativo, la sospensione dall’attività svolta. Mi sono dilungato, in realtà volevo parlare d’altro; il divario tra ricchi e poveri mi serviva per introdurre un altro tipo di sperequazione, tutta italiana, quella culturale, il fenomeno per il quale il nostro Paese esporta cervelli sempre più preparati e di contro vede crescere il numero di giovani che non studiano, o l’incremento dell’analfabetismo di ritorno, secondo un’indagine Ocse l’Italia è il penultimo Paese come livello educativo su i trenta più industrializzati, tale ricerca è basata sulla comprensione di semplici testi, quali un articolo di quotidiano, e in base a uno studio del professor Saverio Avveduto (che attinge a dati già raccolti da Tullio De Mauro), i cervelli indigenti in Italia sarebbero il 68,2%. Ma ne parlerò un’altra volta, se mi ricorderò ancora come si scrive.

* Sembra scontato ma non tutti ci arrivano; quando si parla di tagliare le province non si intende eliminare gli uffici o i fondi ad essi destinati, ma la delega ad altri organi elettivi della funzione politica, in pratica quello che si taglia sono solo le poltrone, consiglieri e giunta. Un’obbiezione intelligente riguarderebbe invece il carico di lavoro su regione e comune, e un taglio delle province renderebbe ancora più necessarie norme sullo snellimento burocratico.

Annunci

7 pensieri su “Corrupt intentions

  1. “All’estero non è che non ci sia la corruzione” disse Pier Camillo Davigo alla Gruber, se non ricordo male. “La differenza è che all’estero viene perseguita e punita, in Italia no”.

  2. io sentii raccontare il fattarello non dalla Gruber ma da Piroso, a NdP mi pare, mi rimase impresso anche perché ebbe quasi un alterco col presentatore, perché c’è da dire che Davigo sarà anche un bravo giurista, ma difficilmente vincerebbe un premio per la simpatia, ma del resto per ridere e scherzare ho i miei amici, dalla classe dirigente mi aspetto competenza, esattamente il contrario degli ultimi 17 anni…

  3. può essere. Ricordo che in quell’occasione affermò anche che un politico onesto non avrebbe mai potuto fare carriera. Una frase banale, quasi un luogo comune, ma lui la spiegò molto bene

  4. passa berlusconi ma non finisce il berlusconismo. la classe politica è quella che è ma non lamentiamocene troppo, poiché è la degna rappresentante dell’attuale società italiana…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...