L’elogio funebre del capocomico Formichella

Ultimamente, col feretro ancora caldo del ventennio breve (sperando che non sia morte apparente), sento sempre più spesso la seguente frase: senza Berlusconi sarà più difficile fare satira, a volte la proposizione è posta come affermazione perentoria, altre volte come dilemma. Vauro sostiene che sarà più difficile far ridere, e per questo più stimolante per gli autori. Io penso che si tratti di un falso problema; la satira politica propriamente detta rimarrà quella che è, Berlusconi è ed era un capitolo a parte. Cerco di spiegarmi meglio. Ricordo una battuta di Ale e Franz; due uomini sulla panchina, uno fa all’altro: – Lo sa? Ho preso un pappagallo.

– E come lo ha chiamato? – Gli fa l’altro.

– Silvio.

– Beh, avrà faticato per metterlo in gabbia…

Questo breve e geniale dialogo, per quanto tagliente e corrosivo nei riguardi dell’allora Presidente del Consiglio, non è satira politica, in quanto ha come oggetto le traversie giudiziarie per reati extrapolitici di Berlusconi (anche se l’impegno politico del personaggio non è extragiudiziario), è al massimo un cugino di terzo grado della satira politica. Insomma, Berlusconi è stata un’icona pop, è stato come Totò, nel senso che faceva ridere di sé un pubblico dai cinque a novantacinque anni, una maschera nazionalpopolare con dei caratteri universalmente riconoscibili; la vanità, l’egocentrismo, la fregola smodata e la costante tentazione di trarre profitto personale da ogni circostanza. Un esempio di vera satira politica? Corrado Guzzanti nell’imitazione di Fausto Bertinotti, con la sua retorica estetizzante e radical-chic in contrapposizione (si presume) con la base di Rifondazione, o sempre dello stesso autore Tremonti, un viziato figlio della classe dirigente che nasconde dietro i nuovi slogan della finanza creativa i vecchi modelli dell’economia cinica e padronale. Invece nove battute su dieci su Silvio Berlusconi non sono di satira politica, semplicemente perché lui, nove volte su dieci, non ha nulla a che fare con la politica. Quella su Berlusconi è stata satira di costume ad personam, anzi per interposta persona; prendendo in giro Berlusconi si metteva alla berlina l’italiuncolo che in cuor suo non desiderava altro che essere come lui, il post-yuppie senza arte né parte. Questa sommessa preoccupazione di alcuni personaggi dello spettacolo, campati a scrocco troppo a lungo grazie alla battuta facile, mi ricorda l’episodio L’Elogio Funebre diretto da Ettore Scola nel film collettivo I nuovi mostri. Un compagnia teatrale accompagna alla fossa la bara di un capocomico, il grande Formichella, tutti piangono, ma dopo qualche parola dell’elogio funebre recitato dalla sua spalla (Alberto Sordi), si intuisce che non è per le doti umane che Formichella sarà rimpianto, ma per il vuoto artistico in cui lascia i suoi colleghi meno noti. Poi, le lacrime diventano sghignazzi, e gli sghignazzi una slavina di risate sguaiate, sfilando in un carosello decadente e nostalgico di battute scontate e doppi sensi. E verrà anche per noi il carosello, oh se verrà…

Annunci

3 pensieri su “L’elogio funebre del capocomico Formichella

  1. è bene che qualcuno faccia notare la differenza tra satira politica e satira berlusconiana, o anche volendo tra la politica e berlusconi. Quel che è certo è che in Sua assenza molti perderanno il lavoro. “molti”, inteso nel senso più ampio possibile e per i motivi più disparati. Non ultimi alcuni sedicenti cabarettisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...